Post

Visualizzazione dei post da Ottobre, 2019

Recensione "Piccole vite infelici"

Marco, Maya, Melina e Caio sono persone diverse, con caratteri ed idee diverse ma che hanno in comune una vita poco soddisfacente.
Caio vorrebbe diventare un regista di fama mondiale, ma riesce così poco nel suo intento da lavorare come recensore di opere teatrali.
Maya invece, ha il grande sogno di diventare sceneggiatrice, ma nonostante le sue idee siano davvero creative riesce a trascrivere su carta  solamente poche cose blande durante la notte.
La madre di Melina, le pone così tanti limiti da non riuscire a farla sbocciare, facendole vivere un'esistenza infelice.
Anche Marco ha tanti sogni: scrivere un romanzo, produrre sceneggiature e ha già una miniserie in cantiere.
Tutte piccole vite infelici, che aspettano ansiosamente il momento giusto per brillare, ma che in alcuni casi potrebbe non arrivare.


All'inizio non mi sono sentita particolarmente presa da questo romanzo e devo ammettere che è stato così per tutta la durata della lettura.
Dal momento che mi succede di rado, …

Recensione "Bosco Bianco"

Dopo la morte di Chiara Pizzi, Samuele Milleri si ritroverà ad essere il proprietario di metà della villa lasciata dell'anziana signora, insieme a Maia Antonini, figlia di una cara amica della zia.
I due proprietari non si conoscono, ma a causa di problemi economici, Samuele venderà la sua parte dell'abitazione senza pensarci due volte.
Il capo dell'agenzia immobiliare, il signor Razzi, obbligherà il suo migliore agente, Giorgio, a fingersi il signor Milleri, il tutto per convincere Maia a vendere all'agenzia  la sua parte di villa e ritrovare il diario di Albert Grant, che da un'antica leggenda si racconta che sia stato nascosto dallo stesso proprietario nella residenza di Bosco Bianco.


Già dalle prime pagine del romanzo, ho notato un inizio deciso e ben definito, che mi ha dato davvero un'ottima impressione sul continuo della lettura.

Ho apprezzato tantissimo l'ambientazione in posti reali (che tra l'altro sono anche molto vicini a casa mia!) e la des…

Recensione "Il Corvo"

Evie, protagonista di questo romanzo, si ritroverà, insieme alla sua domestica Christie, ad essere perseguitata da qualcosa di indefinito e misterioso, che lascerà dietro di sé una lunga scia di morte.


In questo piccolo racconto di circa quaranta pagine ho ritrovato una lettura molto scorrevole e uno stile di scrittura molto semplice e chiaro.

Purtroppo ho un po' faticato ad inquadrare l'inizio ed avrei apprezzato se ci fosse stata una presentazione più dettagliata dei personaggi, magari aggiungendo anche qualche informazione in più riguardo la loro quotidianità.

Devo però dire che la tensione si percepisce nei momenti giusti e, anche se il racconto  non è lunghissimo, l'impostazione sarebbe stata quella giusta per far uscire un vero e proprio romanzo.

Per concludere, ho trovato il finale davvero inaspettato e sorprendente, anche se lascia il lettore un po' in sospeso e largo spazio all'immaginazione.

Recensione "Romanzo Caporale"

La fine dell'uomo nel caos italiano. Sulla terra vermiglia della Cava di Bauxite, a Otranto, il suicidio narra, attraverso il flusso di coscienza, la vita da cacciatore di lucciole del protagonista, che ricorda l'Alì dagli occhi azzurri di Pier Paolo Pasolini. Un condottiero possibile del Kenya, animato da due modelli filosofici: don Donato Panna e Thomas Sankara. La corruzione politica del suo Paese lo costringe a fuggire in Italia col sogno di costruire un avvenire di pace per la sua famiglia. La disumana navigazione sul Mediterraneo lo conduce in una terra intollerante, avvolta da buio impenetrabile. Ma lui, come Sisifo, porta il masso sopra la montagna. Diventa schiavo del caporalato, ma non s'arrende: sfida il Fattore C sedimentato tra le sinapsi della gente comune. La tragedia, dalla sequenza circolare, ha due insegnanti autorevoli: la storia e il dolore. Il giovane antieroe è l'effige più lucida dello stoicismo di Lucio Anneo Seneca

Protagonista di questo romanz…

Sinfonia, di Rose, di Cera

Una storia d'amore tra un uomo e una donna raccontata dal figlio che, molti anni dopo la loro scomparsa, decide di affrontare il suo passato. Sceglie di farlo provando a guardare negli occhi la verità della vita. Il racconto è uno stendardo alla bellezza dell'universo, un vero e proprio trionfo della vita. 

Esso vuole denunciare ciò che è successo e succede tuttora in Tibet, facendosi portavoce delle 137 persone che si sono date fuoco in segno di protesta. Viene raffigurata la solitudine che si può trovare in ognuno di noi in questo universo. All'interno di ogni animo vi è qualcosa di veramente vivo, oltre alla pura materia carnale, vi si trovano le idee sviluppatesi nel corso della storia dai più grandi uomini passati su questa terra (Cristo, Buddha, Dalai Lama, Platone, Shakespeare, Seneca e via dicendo).

 Il tutto è tenuto insieme da poesia e molto amore, ciò a cui ambisce e in cui si trova immerso ognuno di noi senza rendersene conto. Denuncia lo spreco di vita e affront…

5 Film da vedere ad Halloween

La festa dei dolcetti e delle zucche si avvicina e, miei cari lettori, non potevo che proporvi una lista di cinque film da vedere ad halloween!
Ci saranno film per farvi divertire, ma anche per farvi rizzare i capelli!


1 Hotel Transilvania

E anche se è un film d'animazione, per me vale comunque!

Per festeggiare il 118° compleanno della figlia Mavis, Dracula ha invitato nel suo hotel di lusso gli amici di sempre, da Frankenstein al lupo mannaro, e tanti altri mostri ancora, con famiglia al seguito, per un party indimenticabile. Dentro la fortezza inespugnabile, che il conte ha eretto in seguito alla tragedia che ha segnato per sempre la sua vita,
ogni sorta di creatura pelosa o gelatinosa, gigantesca o piena di teste, è sicura di poter trascorrere un weekend pacifico, lontano dal pericolo dei pericoli: l'incontro con un umano. Così, quando il ventunenne Jonathan, zaino in spalla, varca inaspettatamente la porta girevole della hall, per evitare il panico tra i suoi ospiti, Dracu…

Recensione "Senza far rumore"

Claudia e Antonio conducono due vite nettamente separate: lei è una studentessa universitaria, mentre lui è un anziano professore di liceo.
Grazie ad un raro romanzo che Claudia possiede e di cui Antonio è alla ricerca, i due si conoscono online e nasce così un'amicizia.
A causa di un malinteso, Antonio decide di interrompere i quotidiani scambi di mail con la ragazza, tirandosi indietro come purtroppo è solito fare di fronte alle difficoltà.
Durante una chiacchierata sui vecchi tempi con alcuni colleghi, Antonio si renderà conto che Claudia è in grave pericolo senza saperlo. Riuscirà ad aiutarla? O eviterà di esporsi troppo e si tirerà indietro ancora una volta?


Per iniziare, durante i primi capitoli ho molto apprezzato che venissero descritti (anche se brevemente) i vari personaggi. Anche se l'inizio della narrazione ha reso la storia un po' difficile da inquadrare, ho notato uno stile di scrittura molto semplice e scorrevole.

Purtroppo devo però dire che, anche forse a …

5 SerieTv da guardare su Prime Video

Dopo aver notato il vostro entusiasmo per l'articolo dedicato a "Le 5 Serie tv da vedere su Netflix", ho deciso di proporvi la mia top 5 di serie da vedere su Amazon Prime Video, con la quale mi sono trovata davvero molto bene. Segue la mia top 5!

1 Shameless Frank Gallagher è un orgoglioso papà single di sei ragazzi intelligenti, vivaci e indipendenti, i quali probabilmente avrebbero una vita migliore senza di lui. Alcolizzato e incapace di provvedere ai bisogni della sua famiglia, quest'uomo apparentemente egoista e narcisista tira avanti con gli assegni della previdenza. La vera colonna della famiglia è Fiona, la figlia maggiore, tanto insicura con gli uomini quanto indomabile e senza vergogna, esattamente come i suoi fratelli.

2 Hanna Cresciuta in totale isolamento nelle foreste più remote dell'Europa dell'est, Hanna, ha trascorso tutta la sua infanzia allenandosi per combattere e difendersi da coloro che danno la caccia a lei e a suo padre, Erik Heller…